19 ottobre: ipocrisia e manipolazione

Domani, 19 ottobre, migliaia di italiani si riverseranno a Roma convinti di manifestare a favore dei loro diritti, della loro dignità, magari anche contro pretese “invasioni” o per il futuro e la sicurezza delle loro famiglie. Questi italiani, vinti dalla propaganda del peggiore demagogo dei nostri giorni, non sono, in molti casi, da colpevolizzare. Essi sono vittime, vittime di una manipolazione di massa senza precedenti: da Bannon ai grandi gruppi sanitari privati tutti hanno riversato milionj nelle casse della Lega, vero e proprio strumento di controllo e repressione. Salvini si è ed è stato propagandato come amico del popolo, come tribuno della plebe…inutile dire quanto sia falsa ed ipocrita questa retorica. Se tu non hai una grande fabbrica, magari in procinto di essere delocalizzata, Salvini NON è tuo amico. Se tu sei povero Salvini NON è tuo amico. Se tu pensi che fra gli uomini debbano esistere dei legami di solidarietà Salvini NON è tuo amico. Se tu sostieni la necessità di lavori a tempo indeterminato, sicuri, senza vincoli di sottomissione padronale, Salvini NON è tuo amico. Se tu vuoi difendere la sovranità democratica della nazione dai vari cartelli di potenti come la Nato e l’Ue, Salvini NON è tuo amico. Poco importano felpe e pranzi a base di piatti tipici, quello che conta è la sostanza, ossia i supi progetti e le ppere da lui concluse. Per colpa di Salvini manifestare è ora pericoloso, e sempre per le sue mancanze gli assassini di centinaia persone, i Benetton, sono ancora liberi di arricchirsi in Italia, dove si sono sporcati le mani del sangue di 43 esseri umani. Salvini è estimatore della Nato, associazione a delinquere colpevole di inenarrabili crimini di guerra. Salvini pensa che “l’euro sua irreversibile” e che comunque l’uscita dalla moneta unica “non sia obbiettivo della lega”, di fatto appoggiando la spoliazione neo-coloniale dell’economia italiana. Salvini è un nemico per tutti noi, ma molti italiani non riescono ancora a vederlo. Si ricrederanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.