Nuovo attacco padronale alla nazione italiana e ai lavoratori tutti

Con la chiusura dei seggi sembra essersi concluso il ciclo di propaganda europeista volto a trasmettere la ridicola immagine di un’Unione vicina ai giovani e ai lavoratori. Gli appelli al voto su facebook lasciano ora il posto alla dura realtà del regime liberista europeo. Cade oggi una delle ultime tutele nei confronti delle “classi subalterne”, come vengono vergognosamente chiamate dal nemico del popolo Gad Lerner: il licenziamento di una donna in gravidanza è perfettamente conforme al diritto comunitario.

Questo non rappresenta che l’ultimo attacco ai danni dei lavoratori e delle loro famiglie, rei di andare contro la Santissima Trinità liberista flessibilità-competitività-produttività. Ora più che mai è doveroso tenere a mente che ogni singola vita umana ha un valore inestimabile, incredibilmente maggiore alla somma di tutto il denaro posseduto dai feticisti del profitto.

Imposizione di tagli allo stato sociale, apertura indiscriminata ai mercati schiavistici dell’Oriente e non, soppressione di ogni forma di autogestione e controllo popolare sulla Cosa Pubblica: questa è la realtà dell’Unione, realtà totalitaria e distopica.

Segnaliamo inoltre l’ennesima intromissione nella vita economica nazionale dei gerarchi di Bruxelles, con il vero e proprio ultimatum dato da loro allo stato italiano. Il nazistoide ordine rimane invariato: “fate quadrare i conti!”. Poco importa se quelli che per loro sono numeri nella vita reale sono famiglie, sono disabili, sono indigenti o infortunati, se sono anziani o malati: i conti devono quadrare.

Ora più che mai è necessario far fronte alla scomoda idea di trovarsi in piena guerra. La Repubblica è sotto attacco, sia dai nemici interni, come il padronato nazionale, le organizzazioni criminali e dalle varie “corporazioni”, sia da quelli esterni come la Nato e la Santa Alleanza europea. L’articolo 52 della nostra Costituzione sancisce chiaramente la difesa della Patria come “sacro dovere del Cittadino”. E’ ora di divenire cittadini e di compiere il nostro dovere.

Rifiutare le elezioni per rifiutare il Regime.

Oggi, 26 maggio, è il giorno deciso per mettere in atto quella dannosa pantomima delle “elezioni europee”. Questa pratica, bieco strumento propagandistico privo di un vero valore politico e decisionale, è da rifiutare in toto, in quanto si riconosce direttamente non solo la legittimità, ma anche la democraticità del sistema liberista europeo.

Contro il regime non esiste “voto utile”

Le chiacchiere di chi pretende di volersi sedere sugli scranni del parlamento europeo per “cambiare tutto” sono penose ed ipocrite. Basta una semplice ricerca, persino sul sito stesso dell’Unione Europea, per apprendere quanto ridicoli siano i poteri del parlamento rispetto a quelli della Commissione Europea, e quanto le azioni di questa siano “al riparo dal processo elettorale, come ammette, con il suo solito sdegno per la plebaglia, Mario Monti, nella sua “Intervista sull’Italia in Europa” (1998). A Federico Rampini che gli chiede “Perché la Commissione europea ha accettato di diventare il capro espiatorio su cui scaricare l’impopolarità dei sacrifici?”, Monti risponde “Perché, tutto sommato, alle istituzioni europee interessava che i Paesi facessero politiche di risanamento. E hanno accettato l’onere dell’impopolarità essendo più lontane, più al riparo, dal processo elettorale. Solo che questo un po’ per volta ha reso grigia e poi nera l’immagine dell’Europa presso i cittadini”.

L’intero sistema U.E è stato creato appositamente per svincolare il processo decisionale europeo dai popoli che questo continente lo abitano, con il preciso scopo di garantire la piena sovranità economica e politica al padronato capitalista. L’Unione Europea è l’unione dei padroni, è uno strumento antidemocratico e di natura totalitaria. Non esiste “voto utile” in grado di cambiare un sistema che sta perfettamente conseguendo i suoi scopi.

Come abbiamo già detto più volte, un voto per gli pseudo-sovranisti alla Salvini è un voto per l’Europa. Egli stesso ha ammesso che l’uscita dal sistema euro e dalla UE “non rientravano nel programma del centro-destra”. Tra la Lega e +Europa la differenza è puramente estetica: è indifferente l’appartenenza dei parlamentari che siederanno a Bruxelles, il regime rimarrà tale e verranno portate avanti le stesse politiche liberiste volte a concentrare il potere in sempre meno mani.

Lottare, non votare

L’unica soluzione è opporsi al regime, e non “dall’interno” come sostengono maliziosamente gli agenti dormienti di esso. Occorre opporsi concretamente, con l’azione e l’organizzazione popolare, alle decisioni dell’Unione e alle figure stesse dei promotori di questa. Occorre che essi vivano nella paura, poiché questa è la giusta condizione di un oligarca democida.

Al posto di perdere tempo oggi andando in un seggio, bruciate una bandiera europea.

Che cosa fare?

Questa è la domanda che tutti, o quasi, si pongono: “che cosa fare?”. Molti, scoraggiati dall’asprezza della lotta scelgono la rinuncia, l’eterna amarezza e di abbracciare il pensiero, in un certo senso confortante, dell’immutabilità dello status quo.

Non bisogna ingannarsi: la lotta è veramente dura, veramente difficile ed assolutamente impari, ma questa non è una buona scusa per abbandonarsi al disfattismo o rinnegare la verità. Proprio perché coloro che combattono per un mondo migliore sono in pochi, occorre che ognuno di loro capisca quanto è fondamentale la sua azione, quanto il suo stesso esistere rappresenta il fallimento pratico del sistema.

Il regime non aspetta altro che la resa di coloro che resistono, e dato che l’assalto frontale del consumismo non sembra avere vinto questi si cerca di prenderli per fame, operandosi in una guerra psicologica che mira a distruggere le menti ed i cuori, al fine di eliminare l’azione, o di corromperla rendendola sterile.

La lotta va portata avanti, anche da soli se serve, anche nel modo più semplice, ma la passività è da evitare ad ogni costo. Essa è il supremo tradimento poiché significa la resa, significa aver ripudiato persino l’ipotesi della vittoria. E’ certo che la lotta, per essere efficace, debba essere portata contro alla totalità del sistema, non solo in chiave economica o politica, ma anche in chiave morale ed umana.

Sono tre i grandi rifiuti da opporre al regime:

-Rifiuto del machiavellismo e della logica dell’interesse, per un’azione corretta ed onesta, volta alla Giustizia, basata su principi e non su interessi.

-Rifiuto del sistema morale capitalista, liberandosi quindi dalla gerarchia, dall’egoismo, dal narcisismo e dal feticcio della competizione.

-Rifiuto del compromesso. E’ un vanto, una necessità ed un dovere essere radicali in ogni proposta ed in ogni atteggiamento. La nostra guerra è guerra di principi, guerra mortale che non conosce mezze misure.

Solo rifiutando il sistema in toto sarà possibile pensare un nuovo mondo. Solo avendo la certezza della vittoria questo mondo diventerà realtà.

Libri consigliati: “Sovranità”, di C. Galli

Abbiamo intenzione d’ora in poi di proporre testi di resistenza al pensiero unico liberista. La lotta è anche lotta di pensiero, e mai come oggi i rivoluzionari hanno bisogno di orientarsi in un mondo che sembra contenere poco oltre a collaborazionisti e narcisisti autoreferenziali. Partiremo da questo testo di Carlo Galli, insegnante dell’Università di Bologna, edito da “Il Mulino” a Marzo 2019.

“Sovranità è democrazia? Oggi si.”

Non si può portare avanti una battaglia tanto grande ed importante quanto quella della sovranità senza aver ben presente cosa essa sia, come si articoli e cosa rappresenti oggi di fronte alla globalizzazione e al sempre più evidente dominio politico dei cartelli economici. carlo Galli ripercorre la storia del concetto di sovranità, partendo dalle origini della società aristocratica per arrivare sino alle critiche moderne in nome del dominio del mercato, passando per ogni periodo intermedio e speculazione filosofica, da Locke, a Rousseau a Seyes.

Un libro di poco meno di 150 pagine che riesce a mettere in chiaro con una prosa precisa e adatta al contesto il contemporaneo scenario nel quale si trovano a muovere i soggetti politici ed economici, senza tralasciare il fenomeno del (finto) “sovranismo” rappresentato dai partiti alter-europeisti come la Lega, Vox e il Rassemblement National.

Doveroso leggere il testo di Galli, preziosa fonte d’informazioni e di spunti di riflessione.

-link per l’acquisto-
https://www.mulino.it/isbn/9788815280862

Intervista alla Giovine Italia(a cura de Il popolo news 2019)

Dunque, anzitutto ciao.

Mi presento, sono Ernesto Menotti, membro della sezione romana della Giovine Italia. In questo momento sono portavoce momentaneo incaricato di rappresentare l’organizzazione per questa intervista.

Innanzitutto, ci farebbe piacere sapere che tipo di organizzazione è la vostra e quali sono i vostri scopi.

La Giovine Italia è un’organizzazione che cimenta in vari campi d’attività, dalla politica, al sindacalismo, alla cultura. Il nostro scopo è suscitare una presa di coscienza, e quindi successiva azione politica, da parte del popolo italiano, e agire di concerto con altre formazioni per espandere ciò all’Europa e all’Umanità intera.

Benissimo, ci sono dei diritti, dei valori che difendete, come ad esempio l’informazione, ecc…?

Nostri valori sono il patriottismo, la democrazia, il socialismo e l’internazionalismo. Elencarli serve unicamente a bandire ogni ambiguità, essi si sottintendono vicendevolmente. Da questi occorre trarre i dovuti postulati, ossia la difesa della comunità ad ogni livello, la difesa del cittadino e del lavoratore, la libertà che vede realizzazione e completezza solo nella libertà del vicino, la sovranità totale del popolo, e via dicendo.

Perfetto, come orientamento politico quindi vi definite di centro-sinistra?

Ci definiamo di sinistra, anche estrema se serve. Ci teniamo a sottolineare come termini quali destra e sinistra, riferiti all’arco istituzionale (e non alle idee in sé) abbiano perso totalmente di valore, in quanto nella società capitalista le differenze qualitative fra le proposte politiche vengono meno.

Ok, come avete scelto il nome del movimento, dell’organizzazione?

La Giovine Italia fondata nel 1831 dovette affrontare una situazione molto simile alla nostra: una Santa Alleanza dei padroni europei dominante e trionfante unita all’ inutilità delle forme d’associazionismo politico precedenti, ossia sette e logge.

Ok. Prima vi siete definiti di sinistra e avete detto di avere scopi anche in ambito politico e culturale: cosa ne pensate del governo attuale e dei vostri avversari politici?

Esso rientra nella schiera dei nostri nemici. Salvini non è che un bluff, il suo, come abbiamo scritto recentemente sul nostro sito, è un cambio della guardia all’interno della Ue, che lui desidera a trazione lombardo-veneta e non più franco-tedesca. Lui sogna una Padania federata, liberista e conservatrice. Vuole solamente cambiare il tiranno, non abbattere la tirannia.

Perfetto. Visto che lei ha detto di essere un “militante”, come e dove agisce la vostra organizzazione?

Si fa parte della Giovine Italia fin tanto che si incarnano i suoi principi nel pensiero e nell’azione. Solo agendo si è dei nostri. Dovere del militante è fomentare e supportare ogni forma di resistenza e di ribellione al regime, come proteste, scioperi, occupazioni, oltre che diffondere l’idea sia con l’azione politica che con la parola e la scrittura. Ogni sezione agisce in questo senso, organizzando collettivi, dibattiti, assemblee, affiggendo manifesti e striscioni. Solo quest’anno abbiamo portato in piazza attraverso nostri collettivi alcune migliaia di studenti in alcune città, come Genova, Benevento e all’Isola d’Elba.

Perfetto, per l’intervista è tutto, mi raccomando seguite @giovine_italia e cercatela se volete altre informazioni. Buonasera e grazie.

Grazie a voi.

Mazzini e la rivoluzione sociale

Un patriota dimenticato

Giuseppe Mazzini. Una delle figure più importanti del nostro paese…e tuttavia una delle più dimenticate ed ignorate. Nonostante sia stato tra i padri ideali dello stato repubblicano, la sua figura è reclusa nei libri di testo e nelle sempre meno partecipate commemorazioni istituzionali in suo nome.

Giuseppe Mazzini fu un rivoluzionario, un pensatore, un Apostolo. La sua imponente figura dovrebbe essere onnipresente nella coscienza di ogni italiano, di ogni uomo libero, ma così non è.

Tutti lo conoscono per le varie agitazioni e i moti popolare, pochi per la sua fede politica e quasi nessuno per il contenuto sovversivo e superbamente attuale di questa. Vogliamo, perciò, rendere omaggio a questo grande Uomo svelando il Mazzini nascosto, il suo pensiero sociale ed economico, passato in sordina per troppi anni.

Fra Robespierre e Giansenio

Giuseppe Mazzini nacque a Genova, in una strada a pochi minuti di distanza dal porto, da Giacomo Mazzini, medico ex-ufficiale della Guardia Nazionale, e Maria Drago, pia donna originaria di Pegli, animata da forti sentimenti religiosi che la portarono ad abbracciare la rigida scuola giansenista. Ebbe come precettore due religiosi, anch’essi seguaci di Giansenio, tali Luca De Scalzi e Stefano De Gregori, i quali sin da subito notarono la caratura morale e l’intelligenza dell’allievo. E’ in queste quattro figure che sono da rintracciarsi le origini del suo pensiero, animato da un fervore inestinguibile, da un’incrollabile fedeltà alla causa e da un’intransigenza tali da suscitare stima ed ammirazione negli stessi nemici. Scrisse di lui Klemens Von Metternich, Cancelliere dell’Impero Asburgico:


«Ebbi a lottare con il più grande dei soldati, Napoleone. Giunsi a mettere d’accordo tra loro imperatori, re e papi. Nessuno mi dette maggiori fastidi di un brigante italiano: magro, pallido, cencioso, ma eloquente come la tempesta, ardente come un apostolo, astuto come un ladro, disinvolto come un commediante, infaticabile come un innamorato, il quale ha nome: Giuseppe Mazzini.»

Questo suo animo fu manifesto sin dalla giovane età: dovette abbandonare gli studi di legge dopo una diatriba scoppiata a causa del suo rifiuto di lasciare il posto a sedere nella Chiesa, dove era obbligato a confessarsi dall’Università, ai cadetti del Reale Collegio d’Austria.

Gli istinti repubblicani, l’ortodossia, l’intransigenza e il bisogno di vedere “non il ricco o il potente nel prossimo, ma l’uomo” sono la radice di quello che sarà il suo pensiero e la sua azione. Esule, ricercato, imprigionato, eternamente in fuga, clandestino e perseguitato Mazzini non interromperà la sua attività rivoluzionaria e il suo “apostolato popolare”. Questa locuzione, che diverrà il titolo di un giornale da lui diretto, è un’importante chiave di lettura per il suo operato che è “apostolico”, in quanto mirato a diffondere una Verità, un Verbo di liberazione da annunciare al mondo, e “popolare”, in quanto indirizzato al popolo, ai lavoratori, agli umili e agli oppressi.

L’Uomo e i suoi doveri

Inizieremo dalla fine, dal “Dei Doveri dell’Uomo”, pubblicato nel 1860 , vera e propria summa del pensiero Mazziniano. Il testo, indirizzato agli operai italiani, ribalta la concezione “canonica” del diritto, ponendo questo come frutto di un dovere compiuto. Cosa significa ciò? Significa porre la libertà del singolo non più come possibilità astratta, ma come condizione raggiungibile solo tramite la liberazione collettiva, significa porre gli uomini in uno stato di interdipendenza e solidarietà comunitaria. Mazzini scrive ciò in polemica con i pensatori liberali ed individualisti, che, ponendo la libertà del singolo come limite, causavano la nascita di privilegi e disparità.

Il capitolo dedicato alla questione economica approfondisce la critica al liberalismo, portandola dal piano politico-filosofico a quello sociale. Il salariato sarebbe la prosecuzione dei sistemi servili precedenti, da abbattere e superare affinché i gli uomini possano divenire “produttori liberi, padroni della totalità della produzione che esce da loro” . Il salario, e di conseguenza il sistema capitalista, sono quindi un giogo per nulla antitetico rispetto al sistema feudale, ma anzi prosecuzione degli stessi principi gerarchici, egoisti e basati sul privilegio. Difatti, la potestà economica appartiene solo alla classe dei capitalisti, i quali soli sono i padroni di “promuovere, indugiare, accelerare, dirigere verso certi fini” la produzione. Il capitale risulta quindi “despota del lavoro”, in quella che Mazzini definisce “piaga della società economica contemporanea”.

Se il salariato è oppressione, l’associazione è libertà. Le stesse meccaniche che gettano le basi per la democrazia politica svolgono lo stesso ruolo per quella economica. Essa, “progresso di tutti per opera di tutti” non mira esclusivamente a fini materiali, ma ad opera pedagogica e quindi ad un miglioramento morale. Solo da associato l’uomo è libero, poiché così in grado di moltiplicare le proprie forze al fine di sopravvivere e farsi creatore di storia. La società democratica e repubblicana auspicata da Mazzini vedrebbe la ricchezza ripartita equamente a seconda del lavoro compiuto, infatti egli stesso scrive che “qualunque è disposto a dare, per il bene di tutti, ciò ch’ei può di lavoro, deve ottenere compenso tale che lo renda capace di sviluppare, più o meno, la propria vita sotto tutti gli aspetti che la definiscono”. A conclusioni simili arrivava il rivoluzionario russo Vladimir Lenin, che nel suo “Stato e Rivoluzione”, parlando della dittatura del proletariato, afferma che il sistema economico durante la fase di transizione debba seguire la logica di chiedere a ciascuno secondo le sue capacità, e dare a ciascuno a seconda del merito.

La critica di Mazzini non si limita al sistema del salario, ma si espande a tutto il mondo dell’economia di mercato. “Gli economisti”, egli scrive, “libertà di traffici, libertà di commercio, abbassamento progressivo dei dazi […]incoraggiamenti alle grandi imprese, alle macchine che rendono più attiva la produzione: questo secondo loro è quanto deve fare la Società: ogni altro intervento è, per essi, sorgente di male”. Questo pensiero porta a incrementare la produzione senza pensare all’uomo, reificandolo e condannandolo ad un’esistenza bestiale, infatti “sotto il regime di “libertà” che essi predicano […] i documenti ci mostrano un aumento della produttività e dei capitali, non della prosperità universalmente diffusa: la miseria delle classi operaie è identica a prima”. Progresso tecnico che si tramuta in ricchezza per pochi, in supplizio per i molti. Gli operai “esposti continuamente alla mancanza assoluta di lavoro all’arbitrio di chi li impiega e alle diminuzioni dei salari” non possono essere cittadini, non possono conoscere la Libertà, ma unicamente una condizione mai ferma e sicura.

La “questione morale”

“Tre quarti almeno degli uomini che appartengono alla classe operaia, agricola o industriale […] lavorano almeno dieci, dodici, talvolta quattordici ore della loro giornata, e da questo assiduo, monotono, penoso lavoro, ritraggono appena il necessario alla vita fisica. Insegnare ad essi il dovere di progredire, parlar loro di vita intellettuale e morale, di diritti politici, di educazione, è, nell’ordine sociale attuale, una vera ironia”. In questi termini Mazzini commentava quella che è una caratteristica di ogni analisi del sistema capitalista, ossia l’alienazione del lavoratore, non solo di egli dal suo lavoro, ma addirittura dalla sua natura umano, che lo vorrebbe “sociale e progressivo”. L’operaio, inebetito e reso non più ricco, ma in ultima analisi più povero, dalla sua giornata lavorativa non ha né il tempo né l’energia per rendersi conto della sua situazione, per immaginare un mondo diverso da quello in cui mattina dopo mattina è costretto a svegliarsi e a lottare per poter sopravvivere. Mazzini anticipa di un secolo con le sue semplici, concise ed evocative parole tematiche che saranno proprie della Scuola di Francoforte, a dimostrazione di come il sistema capitalista non sia mai mutato nella sua essenza.

Senza progresso morale non può esserci vera emancipazione politica. Solo il Dovere, ossia il lottare non per sé stessi esclusivamente, ma per la collettività e il sé in essa inserito, può garantire vera Democrazia, vera eguaglianza, vera libertà. Senza la consapevolezza che l’uomo davanti a noi è Uomo, è dotato di dignità, di un’anima direbbero i credenti, può instillarci quel rispetto e quella compassione che riserviamo ai fratelli. “Tutti gli uomini sono uguali perché la Natura gli ha resi necessari i medesimi bisogni” sosteneva Carlo Pisacane, intimo amico e compagno di Mazzini. La differenza fra i concetti dai due, come sostenne lo steso Mazzini, fu puramente terminologica: il primo poneva la questione in termini puramente materiali, il secondo aggiungeva la spiritualità al discorso, ma il punto d’arrivo ed il significato sono i medesimi. La moralità è dunque un fatto concreto, e l’azione materiale fatto morale, in quanto causa di cambiamenti all’interno della mente, diciamo noi, o dello spirito, avrebbe detto Mazzini, umana. Il rapporto è ambivalente: tanto lo spirito influenza la materia quanto la materia lo spirito. Sia che a questo termine vengano dati connotati religiosi o meno, il tutto rimane invariato: non può esistere progresso in un campo senza una controparte in quello “opposto”. La rivoluzione deve essere dunque “politica e social al contempo”, senza cadere nell’errore di chi vorrebbe cambiare unicamente la forma del sistema, un avvertimento ancora valido ai giorni nostri.

Mazzini e il socialismo

Per capire l’opera di questo pensatore occorre contestualizzarlo nel clima culturale dell’Italia di inizio ‘800, con un’istruzione ancora per la maggior parte saldamente nelle mani del clero e un’economia prevalentemente agricola quando non segnata da una piccola manifattura lontana dalla rivoluzione industriale. La Genova in cui Mazzini crebbe, arretratissima rispetto alle città tedesche o inglesi, era tuttavia una delle realtà più moderne del panorama italiano. Capito questo, è facile comprendere come mai Mazzini non seppe ragionare in termini sufficientemente pratici riguardo alla condizione operaia, che egli sperimentò in maniera diretta solamente rifugiatosi esule a Londra. Una volta trovatosi nella grande capitale, non esitò a condannare il sistema delle “workhouses” e le condizioni di indicibile sfruttamento a cui erano sottoposti i proletari, sopratutto gli immigrati, ai quali Mazzini offrì i suoi servizi, organizzando associazioni operaie, tenendo lezioni elementari ai loro figli e promuovendo l’emancipazione culturale tramite pamphlet e giornali.

Mazzini si rendeva conto nella necessità di dotare gli operai di un loro programma politico, di rendere essi stessi Cittadini di un nuovo Stato, come esplicita nell’edizione dell’Aprile 1842 di “Apostolato Popolare”: “Braccia di operai assaltarono la Bastiglia: che cosa ottennero dalla rivoluzione francese? Braccia d’operai rovesciarono Carlo X: che cosa ottennero le moltitudini dall’insurrezione del 1830? […] Mancava agli operai un ordinamento speciale, mancava l’espressione de’ loro bisogni. L’operaio accettò il programma di classi ordinate da secoli, non diede il suo.”. D’altronde, l’influenza giacobina aveva lasciato l’impronta, sia su di lui, tramite il padre, che nell’ambiente patriottico italiano, rifiorito sotto le “Repubbliche Sorelle”.

Nonostante le sue intenzione, Mazzini non ebbe mai gli strumenti, potremmo dire anche linguistici, per mettere per iscritto un programma più chiaro e formale di quello espresso nei suoi scritti. Si può vedere come lo stesso Pisacane, fermamente socialista, risentì dell’allora arretratezza culturale dell’Italia ottocentesca, utilizzando termini filosofici e scientifici mischiati ad una sincera e ragionata critica sociale senza mai, però, arrivare ad una formulazione razionale di un programma politico operaio.

Il movimento operaio italiano deve enormemente al contributo di Mazzini e di Garibaldi, i quali furono i primi ad incentivare e promuovere la formazione di associazioni di mutuo soccorso e di rappresentanza dei lavoratori. Se prima l’associazionismo politico era stato dominato dal “club” di derivazione francese illuminista, adesso, grazie all’operato di questi due eroi del Risorgimento, questo mondo si apriva ad una dimensione meno elitaria e dai connotati schiettamente popolari.

La nota polemica con Marx trae origine da due fattori: la già menzionata diversità del contesto della formazione dei due pensatori, e una sorta di conflitto generazionale che provocava in uno la volontà di mettere in ombra quello che fino a quel momento era stato il leader del movimento insurrezionale europeo, nell’altro una triste invidia, acuita anche dalla vecchiaia, data dal successo riscontrato dalla teorie marxiste fra i lavoratori. Ciò che Marx analizzò con il suo materialismo dialettico, Mazzini vide ancora legato all’idealismo romantico. Questo non lo falsò nell’analisi, ma non gli diede gli strumenti per impostare un discorso “moderno” per il resto d’Europa. Egli stesso ammetteva che le idee “alla base del comunismo, del fourierismo, del sansimonismo […] sono in massima parte buone, ma rovinate spesso dai mezzi con le quali vengono attuate”. L’interesse materiale non è sufficiente per Mazzini a garantire il progresso: serve riconoscere all’uomo una dignità intrinseca, serve vederlo, appunto, Uomo. Solo così si può evitare che, combattendo contro una tirannide, un ex-schiavo sfrutti la sua forza per opprimere nuovamente quelli che furono i suoi compagni di sofferenza. Inoltre “il cambiamento dovrebbe rendere migliori, non solo materialmente felici”, quella del Mazzini era una paura derivata dall’aver vissuto a stretto contatto con quella scuola liberale tanto in voga nell’Italia del nord, scuola individualista che a più riprese tradì la comune causa dell’indipendenza, appoggiando ora “l’Austria Felix”, ora i Savoia, ora i disegni neoguelfi, ora l’intervento straniero: tutte ipotesi aberrate dal patriota italiano.

La coscienza di classe dovrebbe porre rimedio a questo, e qui si può vedere come anche nei pensatori più materialisti come Marx la comunità abbia un ruolo essenziale. Essa infatti non è negata dalla materia, essendo un qualcosa derivato dalla vita concreta della nostra specie, ma dall’altro lato anche concependola in maniera ideale non cambiano i rapporti di fratellanza e di solidarietà che dovrebbero vigere all’interno di essa. Ci si accorge quindi che non esiste una vera dicotomia, che la realtà è una, e che Marx, Mazzini, Buonarroti, Pisacane, Saint-Simon la vedevano semplicemente da una prospettiva diversa, animati però dalle stesse esigenze di giustizia sociale e di libertà. Poco importa il punto di partenza, quando le strade sono parallele (anzi, complementari) e il punto d’arrivo, spurgato dagli artifici della lingua, rimane il medesimo: una società dove a regnare sono l’eguaglianza, la giustizia e la libertà.

L’Unione prepara la guerra

“L’Unione ha garantito ai paesi membri quasi un secolo di pace”: nonostante ciò sia falso, nei prossimi anni questa affermazione rischia di venire smentita nei fatti in maniera evidente.

La Guerra che vogliono scatenare

I contrapposti interessi degli esponenti delle classi padronali non possono che degenerare in guerre, prima economiche o per procura e in seguito fisiche e dirette. L’Ue è lo strumento con il quale da anni i possidenti europei si preparano al confronto con Cina e Russia. Ricordiamo le parole di Silvio Berlusconi, colui il quale si definì “il più europeista degli italiani”:


“Per contrastare la Cina è necessario riunificare l’occidente. E lo deve fare l’Europa ritornando ad avere gli Stati Uniti insieme a noi. “

Un’occidente federato, a guida statunitense, contrapposto ad un blocco asiatico. Questo è il sogno neo-orwelliano delle classi dirigenti europee. Poco importa che il prezzo del loro profitto sarà il sangue nostro e dei nostri figli, la distruzione atomica delle nostre città o chissà cos’altro.

D’altronde, quella tenuta dal Cavaliere è la stessa linea del partito collaborazionista per eccellenza, +Europa, che nel settantesimo anniversario della costituzione del Patto Atlantico salutava in esso i “difensori della libertà e della democrazia”. Quale “democrazia” avrebbe difeso la Nato, appoggiando ovunque regimi autoritari per reprimere i popoli? Quale sarebbe questa supposta libertà di cui godremmo se non quella del consumo sfrenato?

I liberisti vogliono la guerra. Gli stessi che chiedono la chiusura degli ospedali, che impongono la dissoluzione dello stato sociale e della comunità in nome del profitto un domani saranno solerti nell’inviare i giovani europei davanti alla mitragliatrice russa o cinese, tutto in nome di quella libertà che da decenni ci viene sottratta, di quella democrazia che viene puntualmente irrisa e negata.

In quest’ottica sono da analizzare le ostilità ad accordi commerciali con le potenze asiatiche e la sudditanza al regime d’oltreoceano, il panico mediatico per i “troll russi” e le numerose altre idiozie propagandistiche atte a fomentare l’ennesima guerra per regolare i conti fra oligarchie capitaliste. Quelli che oggi sventolano la bandiera della pace unita allo straccio blu, da i giovani vecchi di Vox al Comitato Ventotene, saranno pronti un domani a trasformarsi nei peggiori interventisti.

Quello che puntano a creare è un regime totalitario, d’altronde questo è quello che si evince dalle loro parole d’ordine e dalle loro dichiarazioni: “Stati Uniti d’Europa”, “flessibilità”, “competitività”. L’uomo-macchina, totalmente spoliticizzato ed immensamente sottomesso, questo è il loro modello.

Il nuovo Ancien Regime

Sempre di più si delinea sul nostro Continente il revival di quello strumento d’oppressione rappresentato da quella che fu la “società tradizionale”. Nuovi aristocratici, forti dei loro privilegi economici, tentano di riportare alla luce il dominio coloniale delle elites europee sul mondo. Questo è il loro disegno, appoggiato in diverse salse da ogni partito istituzionale. Quello che cambia tra i conservatori ed i progressisti non è altro che la forma, ma la sostanza rimane invariata.

La restaurazione del Sacro Romano Impero sarà presto realtà se i popoli europei non insorgono in nome dei principi dell’eguaglianza e della democrazia. Giù i futuri vassalli, dalla Pania alla Catalogna si contendono i propri territori, nella totale noncuranza dei cittadini anestetizzati dal consumismo quanto dalla politica ridotta a farsa estetica. E mentre noi parliamo armi vengono prodotte e vendute, nuove bombe in grado di spazzare via intere città vengono dispiegate sul nostro suolo, il welfare attaccato in nome di maggiori contributi all’Alleanza Atlantica.

La pace sarà possibile solamente quando saranno venute meno le inclinazioni imperialiste e rapaci del padronato europeo, ossia quando un regime radicalmente democratico ed ostile ad ogni compromesso avrà abbattuto le gerarchiche strutture capitalistiche.

Per i padroni non siamo che agnelli sacrificali sull’altare del profitto, mostriamo a questi feticisti che sappiamo essere Uomini, e non vittime.

L’unico “pensiero unico” è quello liberista

Il mondo culturale e mediatico costituisce l’arma con la quale addomesticare le nuovi plebi ai dogmi del capitalismo imperante, far credere ad esse che oltre questo mondo non ci sia nulla. Il “pensiero unico”, nella nostra società, non ha come dicono molti, lo scopo di cancellare questa o quella tradizione, o di sovvertire un qualche borghese rapporto sociale, ma quello ben più subdolo di diffondere il feticismo nei confronti del prodotto interno lordo, l’amore per il rigore dei conti, e la volontà di applicare le regole della microeconomia alla macroeconomia.


Questa storia parte da lontano, da quelle scuole di pensiero liberiste ricoperte dai miliardi elargiti dalla finanza e dalle confindustrie per far imporre tale pensiero in ogni agenda politica di qualsivoglia partito ( da destra a sinistra ), dalla scuola di Chicago, dal memorandum Powell, alla nostrana fondazione Sergio Leoni e via dicendo.
La democrazia è oramai morta, sostituita da questo neoclassicismo economico, da questa dittatura padronale e capitalista, sulla quale pesa la mancata attenzione posta da certi settori della “sinistra” antagonista, troppo impegnati nell’esigere un capitalismo colorato per accorgersi del regime totalitario in costruzione.
In Europa da decenni assistiamo una progressiva dissoluzione della sovranità democratica ad opera di commissioni non elette che hanno internazionalizzato il debito degli Stati sovrani ed applicato una moneta di fatto legata ai mercati, il tutto con la complicità dei media, dei partiti e delle principali forze sociali e culturali.


La soluzione non è facile ed il nemico sembra indistruttibile ma tenere duro dev’essere la parola d’ordine se non vogliamo condannare non solo l’Italia, ma il mondo intero ad un oblio infernale dove vince solo la logica suicida del profitto.

Morte al Capitale e all’Unione Europea, strumento padronale d’oppressione dei popoli lavoratori!

Sovranità popolare contro il capitale

La propaganda liberista tende a mistificare qualsiasi istanza sovranista come un apologia della xenofobia e volontà di chiusura. La critica all’Unione Europea è, al contrario di quanto vorrebbero far credere i suoi mercenari, principalmente un attacco ad un sistema reazionario ed antidemocratico. Tutto ciò risponde ad esigenze politiche ben precise, ossia la necessità da parte dell’oligarchia liberale di convalidare nelle menti delle persone l’equazione ‘sovranismo uguale destra, fascismo ed intolleranza.

Sovranità è democrazia

Al contrario di quanto propone la vulgata liberal-capitalista, sovranità non significa chiusura, paura o regresso, ma la libertà di un popolo. Un popolo si dice ‘sovrano’ quando è possibile per esso esercitare liberamente la propria volontà, quando al di sopra di esso non esistono poteri capaci di esercitare un controllo coercitivo. Come scrive Carlo Galli in “Sovranità”:

“Sovranità come volontà della nazione non è necessariamente nazionalismo: è autonomia di quella volontà; e la sovranità come creazione della distinzione fra interno ed esterno non è necessariamente xenofobia, ma volontà di determinare uno spazio sul quale il soggetto politico abbia diretto potere e responsabilità.”

Essere sovrani significa essere liberi, poter disporre liberamente delle proprie risorse e poter rapportarsi da pari rispetto agli altri popoli. E’ chiaro come un popolo privato della sua sovranità non possa, essendo sottomesso ad un potere esterno, parlare ad un altro popolo da eguale, ma sempre da una posizione d’inferiorità. Cedere la sovranità significa generare una gerarchia, stabilire i ruoli di servo e padrone: coloro che vedono nell’Unione Europea o nel capitalismo dei fari della libertà sono in gravissimo errore, poiché questi sistemi non generano altro che brutali rapporti di forza generanti moti centrifughi all’interno delle società.

La sovranità del popolo è l’anima della Democrazia, il cui nome letteralmente significa “comando del popolo”, derivando dai termini greci demos e krateo. La sovranità del popolo non può che costituire una Res Publica, ossia un’istituzione la quale, essendo pubblica, non può che appartenere e fungere da rappresentanza di tutti in maniera eguale. Ne consegue che la disparità di forza economica, la quale genera disparità di forza politica e quindi il rapporto servo-padrone, non può che essere antidemocratica.

L’Unione Europea, lontana da essere associazione dei popoli europei, cerca proprio di privare la Democrazia della sua anima, trasportando il potere politico (e quindi economico) dal popolo a enti privati propagandati per pubblici, o alle strutture da essi create. Non è un mistero che l’Unione si sia sempre espressa a favore delle privatizzazioni, arrivando fino ad imporle agli stati membri. Ricordiamo come nel periodo della querelle-farsa fra “Governo del Cambiamento” ed istituzioni europee il ministro Tria abbia voluto rassicurare i propri padroni che il debito sarebbe sceso grazie proprio alle privatizzazioni, vero feticcio delle classe politica italiana ed europea almeno sin dagli anni ’80.

Tutto ciò è ancora più evidente pensando alla struttura stessa del “Parlamento” europeo, strumento solo nominalmente democratico ma in realtà sottomesso alla potestà della Commissione Europea e impossibilitato a rescindere i trattati già in precedenza approvati. Questo sistema a tenuta stagna è stato pianificato ed attuato allo scopo preciso di rendere irreversibile il processo di creazione di un’Europa dei padroni unita ed inespugnabile.

Non solo suicidio politico, qualsiasi cessione di sovranità è anche incostituzionale. Essa non può in alcun caso essere ceduta (ricordiamo l’articolo 1 della Costituzione della Repubblica Italiana), ma solo limitata e solamente in condizioni di reciprocità e al fine esclusivo di garantire la pace e la giustizia fra le Nazioni. Ciò non avviene all’interno dell’Unione Europea, in quanto essa viene ceduta ad un ente terzo, non limitata da un’accordo fra popoli come potrebbe essere un patto di non proliferazione nucleare o l’abolizione di dazi. La sovranità della Repubblica, e quindi del popolo, è letteralmente ceduta ad un ente totalitario, finalizzato, come più volte dichiarato, alla stabilità del mercato, e non al progresso morale ed economico dei popoli. Non stupisce come la piena occupazione permanente, la quale dovrebbe essere obbiettivo di ogni Stato, non sia presa minimamente in considerazione da parte delle istituzioni europee.

Parlando dei gruppi e dei partiti che spingono per una sempre maggiore cessione di sovranità, non c’è altro da dire che citare il Codice Penale, il quale all’articolo 241 sanziona con una pena non inferiore ai 12 anni chi attenta all’unità e all’indipendenza della Repubblica.

Uno dei tanti atti compiuti dal regime per invalidare ogni possibile opposizione.

Il Regime e la sua propaganda

L’Unione per propagandarsi come fine invidiabile mette in campo una foltissima schiera di vere e proprie bufale. La più importante e diffusa di queste riguarda i supposti “70 anni di pace” dei quali sarebbe stata artefice. Questa supposizione non regge alla prova dei fatti: le decine di migliaia di morti nei Balcani, in Libia e sulle zone di confine fra Russia ed Ucraina testimoniano altro. L’Unione Europea, coadiuvata dalla N.A.T.O si è limitata a spostare le guerre sul suo cortile di casa, avendo cura di finanziare le parti del conflitto ad essa più favorevoli. L’Unione Europea appoggia i neonazisti e i golpisti in Ucraina, ha appoggiato milizie islamiste in Libia e cerca tutt’ora di indirizzare il Continente in quella che potrebbe essere una guerra nucleare contro la Federazione Russa, oltre che intrattenere rapporti più che amichevoli con stati canaglia quali Israele e l’Arabia Saudita. Le bombe che uccidono gli yemeniti, le mani che bruciano i lavoratori ad Odessa sono sufficientemente eloquenti per screditare qualsiasi ipotesi di un’Unione portatrice di pace.

La situazione non è migliore sul fronte interno: 5000 suicidi all’anno per disoccupazione, migliaia di vittime di “morti bianche”, milioni gli infortuni, decine di manifestanti assassinati dalle forze di polizia, milioni di disoccupati, uso di psicofarmaci in crescita, tassi di mortalità infantile maggiorati (e volutamente occultati…). L’Unione Europea si comporta da quello che è, ossia un controllore, ostile e separato dal popolo interessato unicamente al benessere dei gruppi industriali e finanziari ad essa legati.

Proprio di questi gruppi essa è espressione politica. Non serve a nulla scomodare termini quali “libertà” e “democrazia” quando l’intero sistema si regge in piedi grazie al e per favorire il dominio di una classe padronale capitalista che si esprime nel suo lato dirigente sopratutto nella confindustria franco-tedesca. Come testimonia l’accordo d’Aquisgrana, o “Trattato di cooperazione Franco-tedesca”, la relazione fra i due governi è sempre più stretta, ed è evidente l’esistenza di un unica intelligenza dietro l’Unione, al momento governata da questi gruppi di potere. Del resto è bene ricordare il “doppiopesismo” delle istituzione europee, che accusano l’Italia di fare concorrenza sleale alla Francia permettendo allo stesso tempo la svendita a questa di componenti sostanziose dell’economia nazionale.

Infine, garantisce amicizia fra i popoli europei questa unione padronale? Assolutamente no, e i recenti eventi libici lo dimostrano benissimo, essendo i governi francese ed italiano, che ricordiamo essere stati fondatori, contrapposti in una guerra per procura.

L’alter-europeismo di Salvini e dei suoi

In questo contesto occorre non farsi ingannare dalla Lega e dai supposti “sovranisti”. Essi rimangono saldamente ancorati ad un’ideologia capitalista e liberista, semplicemente gli interessi per i quali combattono sono di cosche economiche differenti rispetto a quelle francesi o tedesche. Sovranità popolare non significa sovranità delle classi abbienti, ed è per queste che questo schieramento combatte, a partire dai “sovranisti conservatori” della Meloni ai feticisti del “buonsenso”. I secondi, ben più rilevanti dei primi, puntano a tutelare gli interessi ed ad espandere il potere della classe industriale del nord-est, sfruttando finanche i voti dell’elettorato meridionale, per consentire a loro un ruolo da protagonisti in una nuova Europa Federale a trazione Padana.

Nonostante i cornuti sostenitori dell’indipendenza della Padania abbiano accusato il “Capitano” di una svolta filo-italiana da loro ovviamente condannata, i piani del leader della Lega non sembrano essere cambiati quanto lo è la sua propaganda. L’apparente svolta nazionale e l’ambiguità sul tema sovranità non lasciano dubbi: a Salvini interessano i voti per poter coronare il suo sogno, ossia una Padania stato federato europeo, tutto ciò col pieno appoggio della classe industriale veneto-lombarda, in barba ai lavoratori italiani.

Occorre contrapporre a questi disegni capitalistici e padronali una vera lotta di popolo e una vera Associazione delle genti europee. L’unico modo per ottenere ciò è con un ampio fronte militante che raccolga tutti i difensori della Libertà e della Sovranità a tutela degli interessi dei popoli lavoratori. Occorre sfuggire ai modelli di lotta parlamentare governati dal sistema per intraprendere una campagna che sia sindacale e politica in quanto mira ad autodeterminare il popolo. E’ l’esempio dei Gilet Gialli che deve guidare in ciò, non quello dei compromessi col padronato per arrivare alle poltrone.

Col Venezuela che resiste, onore alla casa di Bolivar!

Da anni ormai il Venezuela, simbolo del bolivarismo in sudamerica, insieme alla Bolivia di Evo Morales, è sotto attacco dalla borghesia e dagli Stati Uniti.

Il paese era, grazie al socialismo chavista, il più ricco in Sudamerica e le politiche di welfare di Chavez e di Maduro hanno migliorato incredibilmente la vita delle persone, con la povertà scesa di diverse decine di punti percentuali rispetto al periodo liberista. Ma da alcuni anni gli Stati Uniti, che si sono autoproclamati poliziotti anti-socialisti del mondo, hanno iniziato a bombardare il paese di sanzioni economiche che sono andate (e continuano ad andare) a colpire il suo settore petrolifero, in un momento molto fragile della sua economia. Data la solidità del governo e la fiducia del popolo in esso, gli Stati Uniti hanno messo su Juan Guaidò, il fantoccio autoproclamato presidente ad interim, il fatto divertente e assurdo è che cita continuamente gli articoli 233 e 333 per legittimare questo suo atto, ma cosa dicono seriamente questi articoli?
L’art. 233 cita 5 condizioni tassative di impedimento permanente che permetterebbero al presidente del parlamento di autoproclamarsi presidente fino a nuove elezioni:
1) la morte o rinuncia del Capo dello Stato
2) la sopraggiunta incapacità fisica o mentale, dichiarata dalla corte suprema di giustizia
3) la destituzione decretata con sentenza della corte suprema di giustizia
4) l’abbandono dell’incarico dichiarato dall’Assemblea Nazionale
5) volontà popolare attraverso referendum revocatorio.
Nessuna di queste condizioni è in atto, di conseguenza è il golpe di Guaidò ad essere anticostituzionale, e non la presidenza di Maduro.
Mentre l’articolo 333 invita semplicemente la popolazione a proteggere la costituzione.

L’insediamento di Maduro è stato dichiarato illegittimo dall’opposizione anti-democratica e dalle potenze imperialiste per due motivi principalmente:
-è stato impedito al partito d’opposizione di partecipare alle elezioni
-non ha giurato di fronte al parlamento, ma di fronte alla Corte di Giustizia.
Entrambi questi motivi sono falsi, infatti è il partito ‘Voluntad Popular’ che ha deciso volontariamente di non partecipare alle elezioni per protestare contro “il regime di Maduro”. Per il secondo punto, l’articolo 231 della costituzione stabilisce che “Il candidato eletto prende possesso dell’incarico di Presidente della Repubblica […] prestando
giuramento dinanzi all’Assemblea Nazionale (ovvero il parlamento del Venezuela). Se per qualsiasi motivo sopravvenuto il Presidente della Repubblica non possa prendere possesso dinanzi all’Assemblea Nazionale, lo fa dinanzi al Tribunale Supremo di Giustizia”
Quindi Maduro ha costituzionalmente giurato di fronte alla Corte Suprema di Giustizia dato che la situazione nel parlamento era irregolare.

Bisogna ricordare inoltre che il Venezuela è una repubblica presidenziale, quindi il parlamento non può in nessun caso delegittimare il presidente in carica, è come se in Italia il Senato decidesse di delegittimare Mattarella: non gli sono garantiti questi poteri.

Noi sosteniamo vivamente il Venezuela Bolivariano, il suo presidente e il suo popolo che giornalmente subisce le violenze della borghesia e della destra estrema, la quale punta unicamente a destabilizzare il paese per prendere il potere e fare gli interessi di pochi oligarchi.