San Marino, una storia antimperialista, di Alfio Ladisa

Tutti avranno sentito nominare almeno una volta San Marino, un minuscolo stato collocato a metà tra Romagna e Marche, a pochi chilometri da Rimini. Uno stato che per tutti di fatto è Italia, visto che nel suo minuscolo territorio si continua a parlare italiano e dialetto romagnolo, ad utilizzare l’euro e a preservare la cultura italiana: quasi non si percepisce infatti di aver passato un confine di stato quando ci si entra, se non per […]

Pietà l’è morta, di Leonardo Sinigaglia

“Gli operai non hanno denaro, ma tengono a loro disposizione un mezzo d’azione molto efficace: essi possono incutere paura.“ George Sorel, “Riflessioni sulla violenza” Ci risiamo. E’ mancato, con somma gioia per ogni persona comune, Alberto Alesina, economista di punta del peggiore neoliberismo, teorizzatore della pretesa “austerità espansiva” e da poco insignito dell’infamente “premio Hayek”. Unanime la costernazione della stampa borghese: “grande economista, “l’economista che ha conquistato harvard”, “una grande risorsa per il nostro paese”…Ma […]

La vera natura dell’uomo. di Luca degli Angeli

Le idee da sole non possono cambiare la società. Questa è stata una delle prime conclusioni di Marx. Come un certo numero di pensatori prima di lui, ha insistito sul fatto che per capire la società ci fosse il bisogno di vedere gli esseri umani come parte del mondo materiale. Il comportamento umano è stato determinato da forze materiali, proprio come il comportamento di qualsiasi altro oggetto naturale. Lo studio dell’umanità faceva parte dello studio […]

Capitalismo ed imperialismo: di Samuele Amaddio

La lotta tra stati nazionali, che non è altro che la lotta tra i rispettivi gruppi della borghesia, non è sospesa nell’aria. Non si può immaginare questo gigantesco conflitto come il conflitto di due corpi nel vuoto. Al contrario, il conflitto stesso è condizionato dal mezzo speciale in cui gli “organismi economici nazionali” vivono e crescono. Quest’ultimi, tuttavia, hanno da tempo cessato di essere un tutto appartato, una “economia isolata”. Al contrario, sono solo parti […]

Comunicato di M48 in solidarietà al Centro Sociale Askatasuna

I ragazzi di Askatasuna si sono scontrati, in questi giorni sotto le loro page, con i ben meno ammirevoli “compagni” del panorama antagonistico, i quali attaccano l’Askatasuna per aver cacciato i pusher dal quartiere. Non solo, la digos e i giornali si sono schierati contro questa “ronda” schierandosi dalla parte di chi spaccia e porta morte nel quartiere.M48 appoggia in modo incondizionato la battaglia contro le droghe pesanti e contro lo spaccio, simbolo del disagio […]

Spagna e Anarchismo, di Samuele Amaddio

Se la rivoluzione russa fu la più importante rivoluzione del 20 ° secolo, la rivoluzione spagnola del 1936-37 è tra i suoi rivali più vicini. Inoltre, è l’unica occasione nella storia in cui l’anarchismo è entrato in uno sconvolgimento rivoluzionario già in possesso di un sostegno di massa. Nel 1936 la federazione sindacale anarchica, la CNT, aveva un milione di membri ed era di gran lunga la tendenza più grande all’interno della classe lavoratrice. La […]

L’istruzione ai tempi del capitalismo, di Eros RF

La scuola è da sempre – già da filosofi dell’antica Grecia, così come da pensatori della Francia illuminista – stata pensata come un istituzione volta ad istruire i (futuri) Cittadini. L’educazione spetta ai Genitori, ma l’istruzione spetta alla scuola.Ovviamente questa deve esser pubblica: tutti devono diventare Cittadini, e non ha senso che ci sia un istruzione di “classe A” e di “classe B” che crei di conseguenza Cittadini di classe A e di Cittadini di […]

Ne nasce uno ogni cento anni, di Leonardo Sinigaglia

Ogni epoca ha i suoi eroi e i suoi punti di riferimento, ma in mezzo alla “folla” di queste persone stimabili e stimate, risaltano sempre pochi individui, vuoi per il loro maggior carisma, per la natura epica delle loro imprese o per il fascino che sanno trasmettere. Certo, tutto ciò potrebbe essere preso come un’ingiustizia: a Cuba c’era anche Cienfuegos, e Garibaldi era accompagnato da Aguyar. Le peripezie dei “grandi” sono state affrontate quasi sempre […]

Proteste e repressione, comunicato di M-48

Nonostante gli slogan infarciti di positività governativi, la tensione sociale continua a crescere. E’ all’interno delle fasce più deboli che si registrano i maggiori danni provocati dall’emergenza covid-19 e dall’azione -e dall’inazione- del governo Conte: non certo le grandi multinazionali, le quali oramai viaggiano sui binari della crescita continua, ma i lavoratori salariati, i lavoratori autonomi, le piccole attività economiche sono le vere vittime della situazione attuale. Come riflesso di ciò sono proprio queste categorie […]