Il blogger e i complotti massonici

Francesco Amodeo, già “noto” per aver attaccato l’uso della bandiera del CLN alla manifestazione “Liberiamo l’Italia” dello scorso 12 ottobre per evidenti simpatie nazi-fasciste, ne ha sparata un’altra delle sue, questa volta andando a ripescare dal repertorio neoborbonico. L’accusa che muove in prossimità del 4 novembre è l’eterodirezione giudaico-massonica dell’Unificazione. Nel suo lineare quanto idiota ed ignorante ragionamento poco importano i fatti storici: l’esilio e la condanna a morte di Mazzini, il suicidio in galera di Jacopo Ruffini o i colpi sparati dal Regio Esericito contro Garibaldi e i suoi uomini non sono altro che una fandonia, una maschera per coprire un meschino complotto ai danni del glorioso Regno Duosiciliano, che come è noto ad ogni complottaro rispettabile fu stato aperto, tollerante ed economicamente avanzato. Il signor Amodeo, riciclatosi come fusaride, dovrebbe spiegare come un Regno potentissimo come quello Borbonico si sia squagliato al Sole quando attaccato da un migliaio di volontari inesperti e privi di mezzi, e ancor più come mai Garibaldi venne visto come un eroe popolare spesso contrapposto a V.E. II soprattutto al sud, come testimonia l’ottimo saggio di Eva Cecchinato, ben più attendibile del bufalaro Amodeo, “Camicie Rosse. I garibaldini dall’Unità alla Grande Guerra”. Dovrebbe spiegarci anche il certosino smembramento dell’Esercito Meridionale ad opera del neonato Regno d’Italia, forse non così in combutta coi garibaldini…ma soprattutto dovrebbe spiegarci come possa il rivolgersi ad una banca (peraltro in affari con ogni altro stato europeo, Duosicilia inclusa) costituire indizio di connivenze con non meglio specificati complotti internazionali. Rimandiamo all’articolo degli amici di Sollevazione, i quali ci hanno preceduto nello smentire le balle del blogger

https://sollevazione.blogspot.com/2019/11/la-fesseria-di-francesco-amodeo-di.html?m=1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.