L’Irlanda del Nord torna a lottare: Libertà per i prigionieri politici! Di Andrea Gallazi

M-48 esprime piena solidarietà con i prigionieri politici repubblicani, detenuti in Irlanda del Nord!
Il mese scorso, in una maxi retata denominata “Operazione Arbacia” l’MI5, la Garda Irlandese, la polizia scozzese, la polizia metropolitana di Londra e la Polizia Nordirlandese hanno arrestato il Dr. Hijjawi Bassalat (un uomo di 62 anni, importante leader della comunità palestinese in Sozia) e altri 9 repubblicani irlandesi affiliati alla New IRA, tutti accusati di terrorismo. L’accusa particolare si riferisce a un presunto complotto secondo cui i patrioti irlandesi volevano procurarsi tramite il dr. Bassalat armi dal Medio Oriente, oltre che ai vari attentati avvenuti in Irlanda del Nord tra Febbraio e Luglio di quest’anno, ma anche al possesso di armi ed esplosivi volti a destabilizzare la situazione in Irlanda del Nord per riuscire, una volta per tutte dopo quasi 800 anni, a riunificare la Patria nella giustizia e nella libertà. Così, i 10 prigionieri politici sono stati deportati a Lisburn, nel carcere di Maghaberry, dove sono rinchiusi insieme a pedofili, assassini ed ex-lealisti dell’Ulster, quindi in una posizione molto critica.
Tuttavia, la macchina della repressione inglese non si arrende e il dottor Bassalat il 16 Settembre 2020 è stato messo nuovamente in isolamento, dopo le varie richieste (tutte respinte) di cauzione o libertà condizionata a causa della sua delicata situazione sanitaria. La cosa ben peggiore, è che la cosidetta “Foyle House” (ovvero la sezione del carcere dove si mettono in isolamento i prigionieri) è contaminata dal Covid-19, e nonostante questo la prigione non sta facendo nulla di concreto per sistemare la situazione.
Così, il dr. Bassalat ha cominciato uno sciopero della fame, subito seguito dai suoi Compagni repubblicani e altri prigionieri “comuni”, in qualche giorno lo sciopero della fame si è diffuso anche alle prigioni di Portlaoise,che si trova nella Repubblica d’Irlanda, e nel carcere femminile di Hydebank Wood, a sud di Belfast.

Massimo sostegno ai patrioti irlandesi e palestinesi! Libertà per i prigionieri politici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.