SOSPENDERE GLI ESAMI DI MATURITÀ, comunicato di M-48

Non è una novità che i governanti del nostro stato vedano la scuola unicamente come un salvadanaio dal quale drenare risorse,o , al più, come un ente velleitario e problematico, da trattare con quel misto di indifferenza e sdegno tipico dei feticisti dei tagli alla “spesa improduttiva”. Non è una novità che in tempi di crisi gli studenti siano lasciati a sé stessi, completamente dimenticati o trattati con una spocchiosa sufficienza. Non è una novità quello che stiamo vivendo, ma questo non può far altro che renderci più indignati e rabbiosi. Da marzo le lezioni sono de facto sospese, la scuola è relegata al livello di un corso online, lo stato non sta garantendo agli studenti la possibilità di “frequentare”, come è suo dovere costituzionale, e per di più non si è ancora fatta chiarezza sulle modalità dell’Esame di Stato. L’istruzione è un diritto, ed è compito dello Stato rimuovere gli ostacoli che si frappongono fra i cittadini e l’usufruizione di questo. La situazione attuale è fondamentalmente discriminatoria, non solo perché non tutti gli studenti hanno un accesso ad internet in grado di garantirgli una “frequenza virtuale” costante, ma anche perché nella presente situazione di crisi sociale moltissime famiglie sono già devastate economicamente dall’incapacità di affrontare le spese quotidiane, di pagare le bollette, di assicurarsi per altri mesi un tetto sulla testa. Per questo M-48 si esprime a favore delle seguenti richieste, largamente condivise dagli studenti italiani:
-Sospensione dell’Esame di Maturità per l’anno scolastico 2019-2020 con la formula del “60 politico”, sospensione di tutti i requisiti per l’accesso a concorsi o a determinati percorsi di studio che fanno riferimento alla valutazione dell’Esame di Stato.
-Blocco a tempo indeterminato di affitti, spese per corrente elettrica e connessione internet.
-Donazione da parte dello stato, in comodato d’uso, di tablet o pc portatili alle famiglie che ne facessero richiesta per consentire ai loro componenti di seguire le lezioni online
-Creazione di una piattaforma statale atta ad ospitare le la didattica a distanza
-Blocco delle bocciature per tutti gli studenti di ogni ordine e grado

-Sospensione di tutte le tasse universitarie fino alla fine dell’emergenza e la ripresa delle lezioni fisiche.