Spartaco, eroe dell’era antica. Di Mahdi Fneich

Nel I secolo a.C., uno schiavo di nome Spartaco minacciò la potenza di Roma. Spartaco (circa 109 aC-71 aC) era il leader (probabilmente uno dei numerosi leader) della massiccia rivolta degli schiavi nota come Terza Guerra Servile. Sotto la sua guida, una piccola banda di gladiatori ribelli crebbe in un enorme esercito rivoluzionario, che contava circa 100.000. Alla fine servì tutta la forza dell’esercito romano per reprimere la rivolta.

Nonostante la sua meritata fama di grande leader rivoluzionario e uno dei generali più eminenti dell’antichità, non si sa molto di Spartaco l’uomo. Sono sempre i vincitori che scrivono la storia e la voce degli schiavi nel corso dei secoli può essere ascoltata solo attraverso i racconti degli oppressori. Le poche informazioni che abbiamo provengono da resoconti scritti dai suoi acerrimi nemici. I documenti storici sopravvissuti sono tutti scritti da storici romani e quindi ostili. Sono spesso contraddittori.

C’erano altri capi della rivolta i cui nomi sono giunti fino a noi: Crixus, Castus, Gannicus ed Enomao – gladiatori della Gallia e della Germania, ma di questi si sa ancora meno. La storia è sempre scritta dai vincitori e riflette fedelmente gli interessi, la psicologia e il pregiudizio di classisti della classe dirigente. Cercare di capire Spartaco da queste fonti è come provare a capire Lenin e Stalin leggendo gli scritti diffamatori dei nemici borghesi della rivoluzione russa. Attraverso questo specchio deformante si possono solo intravedere allettanti scorci del vero Spartaco.

E stanziandosi in un luogo difendibile scelsero tre capitani, di cui Spartaco era il capo, un Trace di una delle tribù nomadi, un uomo non solo di alto spirito, ma anche di comprensione e di gentilezza superiore a le sue condizioni, e più di un greco di quanto lo siano di solito le persone del suo paese“. Plutarco

Queste parole di un nemico presentano Spartaco in una luce personalmente favorevole, il che richiede una spiegazione. Non è difficile da trovare. Un uomo che aveva sconfitto un esercito romano dopo l’altro e messo in ginocchio la Repubblica doveva possedere qualità straordinarie. Solo così i commentatori romani potevano cominciare a fare i conti con il fatto che “semplici schiavi” avevano sconfitto le loro legioni invincibili.

Altri storici romani tentano di farlo apparire di sangue nobile, esattamente per la stessa ragione. Si dice che fosse dotato di attributi sovrumani. Si dice che sua moglie fosse una sacerdotessa, e così via. Tutto questo fa chiaramente parte della propaganda romana che mira a presentare Spartaco come un guerriero molto speciale, e in questo modo per cercare di ridurre il senso di vergogna e umiliazione provata dalla classe dominante dopo essere stata sconfitta da braccianti e gladiatori.

Le vere origini di Spartaco non sono chiare in quanto le fonti antiche non concordano sulla sua provenienza, sebbene probabilmente fosse originario della Tracia. Sembra che abbia ricevuto addestramento ed esperienza militare e potrebbe persino essersi unito all’esercito romano come mercenario. Plutarco dice anche che la moglie di Spartaco, una profetessa della stessa tribù, fu ridotta in schiavitù con lui. In ogni caso fu poi venduto all’asta a un addestratore di gladiatori di Capua. Appiano diceva che era “Un Trace di nascita, che una volta aveva servito come soldato con i romani, ma da allora era stato prigioniero e venduto per un gladiatore“. Floro dice che “era diventato un soldato romano, da un soldato ad un disertore e un ladro, e poi, considerando la sua forza, un gladiatore“.

Al tempo della rivolta di Spartaco la repubblica romana stava entrando in un periodo di turbolenze che sarebbe terminato con il dominio dei Cesari. I territori romani si stavano espandendo a est e a ovest; generali ambiziosi potevano farsi un nome combattendo in Spagna o in Macedonia, quindi ritagliarsi una carriera politica a Roma. La città eterna era una società militarista: battaglie tra gladiatori venivano organizzate per intrattenimento popolare. Mentre i lottatori di successo erano idolatrati, in termini di stato sociale erano poco al di sopra dei detenuti; anzi, alcuni gladiatori furono condannati come criminali. Altri erano schiavi. In questo periodo la schiavitù rappresentava circa una persona su tre in Italia. Essi erano soggetti a punizioni estreme e arbitrarie da parte dei loro proprietari; mentre la pena di morte per i romani liberi era raramente invocata (ed eseguita umanamente), gli schiavi venivano regolarmente crocifissi.

Così, armati con semplici coltelli i gladiatori fuggirono alle pendici del Vesuvio, vicino alla Napoli moderna. La notizia della rivolta incoraggiò altri a seguire. Un flusso costante di schiavi rurali si unì presto agli ammutinati, il cui numero cominciò a crescere. Il gruppo invase la regione, razziando le fattorie in cerca di cibo e provviste. Così i ribelli iniziarono ad ottenere piccole vittorie, che portarono a cose più grandi. Plutarco continua il suo racconto: “Mettendo in fuga i loro nemici da Capua e procurandosi così una quantità di armi adeguate, gettarono via volontariamente le proprie come se fossero barbare e disonorevoli“.

Si può quasi immaginare l’euforia di queste prime vittorie e la gioia con cui i gladiatori gettarono da parte l’odiata uniforme del loro mestiere e si vestirono come veri soldati, non come servi. Questo piccolo dettaglio rivela qualcosa di molto più importante delle armi e dell’equipaggiamento. Rivela una fiducia crescente, il rifiuto non solo dello stato servile, ma anche della mentalità servile. Vediamo la stessa cosa in ogni sciopero e in ogni rivoluzione della storia, dove i lavoratori – i discendenti diretti degli schiavi – iniziano a pensare e ad agire come uomini e donne liberi.

Le autorità romane non valutarono Spartaco così come i commentatori successivi. Il Senato non si era nemmeno preoccupato di inviare una legione per sopprimere i ribelli, ma solo una forza di milizie di circa 3.000 uomini guidata dal pretore Claudio Glabro. Avevano chiaramente considerato che si trattava di una mera operazione di polizia e facilmente gestibile. Pensavano che questo sarebbe stato più che sufficiente per sopprimere un piccolo numero di servi mal armati. Ma l’accampamento di Spartaco era diventato una calamita per gli schiavi dell’area circostante, diverse migliaia dei quali si erano uniti a lui. A differenza dei soldati romani e dei loro ufficiali, i servi stavano combattendo una disperata battaglia per la sopravvivenza. Al contrario, i generali romani sottovalutarono il nemico e all’inizio erano indebitamente rilassati.

I rivoluzionari possono vincere solo passando all’offensiva e mostrando la massima audacia. I romani assediarono i ribelli sul Vesuvio, bloccando la fuga. Gli schiavi si trovarono assediati su una montagna, accessibile solo da uno stretto passaggio, che i romani tenevano sorvegliato, “circondato su tutti gli altri lati da dirupi scoscesi e scivolosi”. Spartaco aveva corde fatte di viti e con i suoi uomini si precipitò giù da una scogliera sull’altro lato del vulcano, alle spalle dei soldati romani, e lanciò un attacco a sorpresa.

Claudio Glabro, aspettandosi una facile vittoria, probabilmente non si era preoccupato di prendere la precauzione elementare di fortificare il suo campo. Non ha nemmeno postato sentinelle adeguate per tenere la guardia. I romani pagarono a caro prezzo questa negligenza. La maggior parte di loro sono stati uccisi nei loro letti, compreso il pretore Claudio Glabro. Questa fu una sconfitta ignominiosa per i romani. I servi ora possedevano armi e armature. Ancora più importante, hanno sviluppato la sensazione di poter combattere e vincere. Questo è stato il guadagno più grande.

Spartaco, non aspettandosi di poter battere i romani, iniziò a marciare il suo esercito a nord verso le Alpi per sfuggire a Roma, in modo che i servi potessero disperdersi e tornare alle loro case, ma altri capi della Gallia e altrove decisero di marciare su Roma. Lungo la strada Spartaco raccolse non solo schiavi dalle campagne, ma anche poveri liberti. Riuscì a sconfiggere un “grande esercito” guidato da Lentulo e un altro esercito guidato da Cassio di 10.000 uomini. Ora aveva sconfitto cinque diversi eserciti. Il senato decise di inviare Crasso al comando di sei legioni, cui si unì un intero numero di volontari della nobiltà. Crasso era un uomo che ami odiare. Si pensava che ai suoi tempi fosse l’uomo più ricco di Roma. Secondo Plutarco: “Certamente, i romani dicono che nel caso di Crasso molte virtù erano oscurate da un vizio, cioè l’avarizia: e sembrava che avesse un solo vizio, poiché era un vizio talmente predominante che altre propensioni al male che potrebbe aver avuto erano appena percettibili.” Crasso una volta disse che un uomo non poteva essere considerato ricco a meno che non potesse “sostenere un esercito con le sue entrate“.

Plutarco spiega uno dei modi in cui Crasso è diventato ricco:

Crasso … scopri che incendi e crolli di edifici erano eventi frequenti e quotidiani a Roma. Comprò quindi schiavi che erano architetti e costruttori, e poi, quando ne aveva più di 500, comprò case che erano in fiamme; i proprietari di queste case, nel terrore e nell’incertezza del momento, lasciavano andare le loro proprietà per quasi nulla. In questo modo, la maggior parte di Roma entrò in suo possesso.

Spartaco sconfisse le prime due legioni di Crasso inviate sotto il comando del suo luogotenente Mummio. Per punizione, Crasso prese 500 delle truppe che si ritirarono dalla battaglia, le divise in gruppi di 10 e scelse da sorteggio uno da ciascun gruppo da uccidere – una punizione nota come “decimazione“. Appiano lo dice secondo alcune delle sue fonti. Crasso ha effettivamente decimato un intero esercito, uccidendone 4.000.

Crasso non voleva correre rischi. Distribuendo otto legioni (circa 40.000 truppe), costruì un muro e un fossato gigante attraverso la penisola di Reggio nel sud dell’Italia, intrappolando Spartaco. Il Trace Rivoluzionario sperava di trovare navi per portare le sue truppe in Sicilia, ma i pirati cilici che aveva pagato per trasportare l’esercito lo abbandonò. Anche ancora, Spartaco sconfisse un altro esercito inviato contro di lui, guidato da uno degli ufficiali di Crasso.

Non appena arrivarono nuove provviste su entrambi i lati, Spartaco, vedendo che non

c’era modo di scappare, mise in campo tutto il suo esercito; e quando il suo cavallo gli fu portato, estrasse la spada e lo uccise, dicendo che se vincerà la battaglia avrà molti cavalli superiori a quelli dei suoi nemici, e se avesse perso, non avrebbe avuto bisogno del suo cavallo.E così, dirigendosi direttamente verso Crasso, ma lo perse di vista, Spartaco riuscì a uccidere due centurioni che caddero su di lui. Alla fine, abbandonato da coloro che gli stavano intorno, egli stesso mantenne la sua posizione e, circondato dal nemico, combatte coraggiosamente, fu fatto a pezzi” Plutarco

I restanti ribelli catturati furono crocifissi lungo la via Appia, la via principale da Capua a Roma, per fare da esempio. Alla fine, Pompeo, che fu inviato dopo Crasso per assorbire i resti dell’esercito, finì con più credito per aver sconfitto Spartaco. 

La ribellione guidata da Spartaco, sebbene siano appena 10 le pagine scritte su di essa da storici antichi, ci emoziona ancora per le sue dimensioni e per il modo in cui ha umiliato, anche se solo per pochi anni, il più grande impero dell’epoca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.