Cuck all’italiana, di Brustolo

Timeo Danaos et dona ferentes scriveva Virgilio, mettendo questa frase sulle labbra del sacerdote troiano Laocoonte, che aveva ben intuito l’inganno del cavallo. Se a noi posteri lettori dell’Eneide appare quasi stupida la scelta dei Teucri, così non sarebbe stato per uno spettatore diretto. Si, in effetti l’abbandono improvviso di una campagna d’assedio pluriennale e la scomparsa nottetempo di una flotta potrebbero essere fatti quantomeno dubbi, ma mettiamoci nei panni di chi da anni non […]

Recovery found? Briciole, di Filippo Dellepiane

Briciole, come nel racconto di Borchert (autore tedesco) “Das Brot”(il pane) in cui un marito disperato, dopo la guerra, “ruba”il pane alla moglie e quest’ultima trova sole le briciole.Ecco il riassunto del Recovery Fund: come spiega perfettamente Trombetta, all’Italia arriva una miseria. Una cifra pari al 0,3% del nostro pil, spalmata su 3 anni, 22 mld. Sì, perché al nostro stato arrivano 82 mld, di cui solo 22 netti. Non solo, sarebbe ingenuo pensare che […]

Pietà l’è morta, di Leonardo Sinigaglia

“Gli operai non hanno denaro, ma tengono a loro disposizione un mezzo d’azione molto efficace: essi possono incutere paura.“ George Sorel, “Riflessioni sulla violenza” Ci risiamo. E’ mancato, con somma gioia per ogni persona comune, Alberto Alesina, economista di punta del peggiore neoliberismo, teorizzatore della pretesa “austerità espansiva” e da poco insignito dell’infamente “premio Hayek”. Unanime la costernazione della stampa borghese: “grande economista, “l’economista che ha conquistato harvard”, “una grande risorsa per il nostro paese”…Ma […]

Il plusvalore: di Eros R.F.

Il concetto di plusvalore viene spesso frainteso. Chi lo fa volontariamente ha un fine meschino, che punta semplicemente alla disinformazione della Popolazione. Ed è quest’ultima, infatti, che fraintende il concetto del plusvalore in buonafede.Gli “economisti”, ovviamente di parte essendo essi in gran parte liberisti, negano addirittura l’esistenza del plusvalore, dicendo che Marx non avesse compreso una mazza.Il concetto, tuttavia, è relativamente semplice: il plusvalore è la differenza tra la ricchezza prodotta da un lavoratore e […]

Capitalismo e crisi: di Samuele Amaddio

Il capitalismo non è solo un sistema distruttivo, ma è anche un sistema fuori controllo. I singoli capitalisti tendono a prendere decisioni che sembrano loro razionali, guidate dalla fredda logica del calcolo economico. Ma il sistema nel suo insieme è irrazionale perché queste decisioni non riflettono un piano per soddisfare i bisogni umani, ma solo un piano per arricchire i singoli capitalisti. Le società precedenti avevano periodiche crisi a causa della scarsità. Ma è proprio […]

Il debito pubblico: cos’è e perché se ne parla, di Alfio Ladisa

Ognuno di noi ha sentito parlare almeno una volta di debito pubblico, quasi sempre con accezione negativa, additato come la causa principale dei nostri problemi. Ma cos’è davvero questo debito pubblico? È davvero causato dall’eccessiva spesa pubblica? È ovvio che si tratta di un problema complesso a cui non si possono dare risposte semplici come “classe politica cattiva che spende troppo”. Analizziamo innanzitutto la situazione italiana: da 20 anni non si fa altro che tagliare […]

PER LA RINASCITA DELL’ITALIA, ATTRAVERSO L’ECONOMIA REALE di G. Paragone, T. Alterio, M. Pasquinelli, M. Scardovelli, P. Maddalena

“Nulla impedirà al sole di sorgere ancora, nemmeno la notte più buia”L’emergenza sanitaria finirà, quella economico-sociale che bussa alle porte sarà invece davvero devastante. L’epidemia ha infatti colpito una società già profondamente indebolita da decenni di scellerate politiche predatorie. La pretesa neoliberista di averci privato della sovranità nazionale, consegnandola all’Europa e ai mercati, ha indebolito le nostre difese immunitarie. Anni di austerità in nome del rispetto dei vincoli europei hanno devastato il tessuto economico produttivo […]

Non ci serve un vincolo esterno, di Massimiliano Moresco

Vorrei cazzeggiare dalla mattina alla sera, scrivere poesiole ma non riesco a togliermi dalla testa il grande lavoro di propaganda che ci hanno perpetrato ai nostri danni in questi anni. Nel mio piccolo mi sento responsabile. Non vorrei che le prossime generazioni debbano soffrire ciò che non abbiamo saputo fronteggiare. Questi purtroppo l’hanno presa larga: hanno iniziato negli anni 80 dicendo: il pubblico non funziona. L’ideologia delle élite è diventata come se fosse una nostra […]