L’armageddon proletario, di Leonardo Sinigaglia

Purtroppo i movimenti di massa non nascono sempre né nella forma né del luogo dove speriamo che si materializzino. Negare la realtà perché non si confà alla nostre idee non è solo ridicolo ed infantile, ma un grave, gravissimo errore politico. Fare ciò indebolisce il movimento, fa perdere occasioni e offre spazio ai nemici. Da militanti socialisti rivoluzionari, questo non è un errore che possiamo permetterci. La rivoluzione, probabilmente, non arriverà dalle fabbriche. Magari qualche […]

Continua la mattanza in Colombia, comunicato di M-48

Nel silenzio mediatico più totale continua il massacro dei leader delle lotte sociali in Colombia. È dal 2016, anno della presunta pace, che le FARC sono diventate un movimento politico e non più forza militare e da quell’anno sono stati migliaia i socialisti, sindacalisti e rivoluzionari assassinati dai governi della destra conservatrice e della “sinistra” liberal del paese. Tra gli ultimi ci sono Gentil Pasos Lizcano, della comunità di Huila; Rubilio Papelito Limón, della comunità […]

Azione dei compagni napoletani in ricordo di Pisacane

Giovedì 2 luglio 2020.Questa mattina la sezione napoletana di M-48 ha affisso in zona Ponticelli uno striscione a ricordo di Carlo Pisacane, patriota socialista e libertario che in questo stesso giorno, nel 1857, si immolò per l’emancipazione delle masse contadine dal giogo borbonico e dalla società classista. Ricordare l’esempio del nostro concittadino Pisacane è fondamentale, in quanto egli è fra i capostipiti della storia rivoluzionaria moderna della nostra città e del nostro paese. Solo recuperando […]

“Bandiera rossa”, storia di un inno rivoluzionario, di Leonardo Sinigaglia

Tutti la conoscono: “Bandiera Rossa”, celeberrimo canto d’area socialista, è da più di un secolo conosciuto sia in Italia che all’estero. Non serve essere politicamente attivi per averla sentita cantare e conoscerne, anche se forse non interamente, il testo. Tuttavia pochi ne conoscono l’origine. Il testo di “Bandiera Rossa” nasce come canto repubblicano intorno al 1848. Il drappo rosso era infatti già largamente utilizzato sin dal secolo diciannovesimo, e se ne testimonia il comparire sia […]

A 215 anni dalla nascita di Mazzini. di Leonardo Sinigaglia

Un patriota dimenticato Giuseppe Mazzini. Una delle figure più importanti del nostro paese… e tuttavia una delle più dimenticate ed ignorate. Nonostante sia stato tra i padri ideali dello stato repubblicano, la sua figura è reclusa nei libri di testo e nelle sempre meno partecipate commemorazioni istituzionali in suo nome. Giuseppe Mazzini fu un rivoluzionario, un pensatore, un Apostolo. La sua imponente figura dovrebbe essere onnipresente nella coscienza di ogni italiano, di ogni uomo libero, […]

Rosa Luxemburg e la questione nazionale, di Luca degli Angeli

Rosa Luxemburg, in quanto leader di un partito operaio in Polonia, nazione divisa da tre imperi – Russia, Germania e Austria –, doveva necessariamente prendere una posizione ben precisa sulla questione nazionale. Rosa Luxemburg credeva che sotto il capitalismo lo slogan dell’indipendenza nazionale non avesse alcun valore progressivo, quando parliamo del “diritto delle nazioni all’autodeterminazione“, stiamo usando il concetto di “nazione” come entità sociale e politica omogenea. Ma in realtà un tale concetto di “nazione“, […]

Il biennio rosso europeo. di Aldo Laspina

Dalle ceneri della Prima Guerra Mondiale, scaturirono una serie di rivolte di stampo socialista nei paesi sconfitti d’Europa. Tra queste rivolte, ci fu un caso a parte, quello italiano, in cui la rivolta scaturì in un paese vincitore. Cerchiamo di analizzare quelle rivolte che infiammarono l’Europa per alcuni anni, di cui alcune, la maggior parte delle volte purtroppo fallirono. In Ungheria: L’Ungheria tra tutti i Paesi in cui scaturirono le rivolte, fu forse quella più […]

Meritocrazia: capitalismo o socialismo? di Andrea Gallazzi

Molti tra i liberisti affermano che il capitalismo sia un sistema meritocratico, fondato dunque sull’impegno lavorativo dei singoli, tuttavia la realtà dei fatti nega completamente tutto ciò; partendo dal principio: il capitalismo è un sistema profondamente classista, che affonda le proprie radici quindi nelle differenze sociali, perciò tutti si formano in base al proprio ceto. Questo sistema in nessun modo può essere definito “meritocratico”, in quanto tutte le persone partono da livelli diversi: per una […]

Robespierre, padre e martire della sinistra. di Samuele Amaddio

Molti membri nell’ala sinistra del movimento popolare acclamarono l’esecuzione di Robespierre, tra questi vi erano Varlet l’ex enrage, e Babeuf. Pensarono che ora era possibile ritornare a una maggior democrazia diretta e alle promesse della costituzione del 1793. Quando Robespierre e i suoi sostenitori furono ghigliottinati molti testimoni segnalarono come la folla urlò: “Abbasso il Maximum!” pensando che la fine dei controlli del governo rivoluzionario sarebbe stata vantaggiosa. Anche gli schifosi terroristi, che furono responsabili […]

Rosa Luxemburg: l’inganno del preteso “interesse nazionale”, di Leonardo Sinigaglia

Quando la “patria” è in pericolo non è più tempo di discussioni politiche: ci si deve stringere “uniti”, seguire le indicazioni delle autorità ed aspettare che passi la tempesta. E’ questione di sopravvivenza. Ma è veramente così? Assolutamente no. Tolto il caso in cui si professi l’origine celeste dei fatti umani, ogni evento ha una precisa origine che si può individuare come sommatoria sì anche di cause geografiche ed ambientali, ma sopratutto storiche, ossia economiche, […]