Yemen: l’avanzata degli Houthi, la coalizione filo-USA si indebolisce? di Andrea Gallazzi

Dopo che l’anno passato la coalizione Saudita aveva invaso tutta la zone di al-Jawf, lanciando un brutto colpo ad Ansarallah e i comitati popolari, gli Houthi hanno lanciato un offensiva su larga scala scala, riconquistando buona parte della provincia.
Attualmente, gli Houthi stanno assaltando la zona di Marib, scacciando i sauditi. Molto probabilmente nei prossimi mesi vedremo una dura battaglia per la città, che è un punto strategico per il controllo del paese, visto che il suo governatorato è a contatto con buona parte delle province yemenite. Nello stesso momento la tribù locale, gli Ubayd, si è ribellata a Riyad e la città di Marib si trova a ferro e fuoco.È evidente che il governo (o per meglio dire tirannia) Hadi e la coalizione filo-usa a guida saudita hanno perso il supporto della popolazione, concentrandosi nel reprimere le rivolte popolari e lasciando stare al qaeda e l’isis. Questa reazione popolare era comunque scontata, visto che le bombe e l’embargo saudita ad al-hudayda e in tutto il paese hanno portato il colera e la povertà assoluta.
Massimo sostegno alle forze popolari di ansarallah, che stanno combattendo da veri patrioti ed eroi antimperialisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.